Home » News su senologia

News su senologia

News su argomenti di senologia

 

Notizie utili nel tumore della mammella

Ricostruzione dopo quadrantectomia con lipofilling

Una nuova tecnica chirurgica in grado di riempire il volume del quadrante mancante dopo quadrantectomia e ormai realta'.

Grazie alla tecnica del lipofilling, prelevando cioe' il tessuto adiposo dalla stessa persona di solito dalle cosce esterne o dall’addome e reinserendolo nella stessa seduta nel quadrante mancante.

Come si svolge l’intervento?
Diciamo che e una tecnica abbastanza semplice e veloce da effettuarsi in anestesia locale in day-surgery. Si aspira innanzitutto del grasso dalle zone esterne delle cosce o dal pannicolo adiposo dell’addome attraverso una piccola cannula. Quindi il grasso asportato viene messo in una speciale provetta per poi essere centrifugato attraverso una speciale apparecchiatura per ottenere un grasso concentrato e separato dagli elementi del sangue.

Qundi una volta riempita la siringa. Attraverso una piccola cannula viene inserito nel quadrante interessato, fino ad aumentare il volume mancante. Tale procedimento si puo ripetere a distanza di alcune settimane qualora sia molto il volume da riempire. Tale metodica garantisce un buon riempimento con normale e naturale morbidezza del seno.

Per essere sottoposti a tale intervento e bene effettuare una visita preliminare per valutare la condizione della malattia e la situazione anatomica.

Allattamento e prevenzione del tumore al seno

I tumori al seno, un tempo rari nel nostro "bel Paese", oggi stanno diventando un'amara realtà che cresce al ritmo dell'1,3% ogni anno. Le statistiche ci dicono che nel mondo si hanno un milione di casi all'anno e solo in Italia 47 mila, vale a dire circa una diagnosi all'ora. Non è certamente un bollettino di guerra, ma siamo comunque in emergenza. Ad affermarlo è il prof. Umberto Veronesi, lo scienziato che tutto il mondo ci invidia.

Quali le cause? Cosa è successo in questi anni?

Innanzitutto "è calato il numero di gravidanze. Le donne prima facevano 10-15-20 figli e li allattavano tutti, mentre oggi ne fanno sempre meno e non sempre li allattano. E così, se prima il seno non si ammalava perché restava sempre in attività, oggi è un organo fragile proprio perché 'in disarmo'", ha sostenuto l'oncologo Veronesi.
Per fare il punto e per approfondire la materia l'occasione ci viene offerta, come consuetudine, dal mese dedicato alla cura e alla prevenzione sul tumore al seno, il mese di ottobre. Ad  inaugurarlo ci ha pensato la Fondazione Veronesi, nell'ambito del progetto "Pink is good" con un convegno durante il quale sono stati dati numeri, ma anche possibili rimedi.

Quali i rimedi naturali?

Durante l'incontro, è stato rimarcato un altro enorme difetto a livello di prevenzione: la poca conoscenza che si ha sul fenomeno, cioè sulla patologia. La scarsa consapevolezza e la carente prevenzione, unite agli stili di vita sbagliati ed al calo del numero di gravidanze hanno fatto sì che la patologia, in questi ultimi decenni, si sviluppasse in modo vertiginoso.

L'appello del prof. Veronesi: maternità ed allattamento gli antidoti possibili

Il Prof. Veronesi ha lanciato un vero appello alle donne affinché riscoprano la "missione' maternità" e i suoi benefici. "Bisogna che ci rendiamo conto che le donne hanno bisogno di procreare - chiarisce il fondatore dell'Istituto Europeo di Oncologia - E' un bisogno naturale e psicologico, una forma di realizzazione". La strada per sconfiggere il tumore al seno passa attraverso il superamento di diverse difficoltà. "Oggi le donne lavorano anzi hanno un doppio lavoro, uno fuori casa e l'altro dentro, e quindi vivono molte difficoltà. E' necessario trovare il più possibile il modo di favorire la maternità," è il messaggio inviato alle donne, ma anche alle strutture, alle istituzioni ed alla politica, insomma al "sistema Italia".

La conoscenza e la conseguente correzione delle abitudini sbagliate possono aiutare a prevenire?

Durane l'incontro è stato anche ricordato che solo il 56% delle donne sottoposte ad intervista sa che le abitudini scorrette contribuiscono in modo determinante all'incremento del tumore al seno. Difatti un'alimentazione sbagliata, un eccesso di alcol, il fumo e la vita sedentaria sono i nemici da combattere "L'attività fisica è uno dei capisaldi di questa prevenzione. Fare sport riduce del 12% il rischio di ammalarsi di tumore al seno. E conta anche per le donne cui il cancro è stato diagnosticato, perché riduce il rischio di recidive e diminuisce la mortalità di oltre il 50%", afferma Chiara Segré, supervisore scientifico della Fondazione Veronesi. I farmaci sono utili, anzi vitali, ma l'attività diventa indispensabile. Prevenzione significa anche controlli. E "I controlli devono iniziare a 30-35 anni con un'ecografia mammaria annuale e proseguire dopo i 40 anche con una mammografia annuale", sottolinea infine Paolo Veronesi, figlio di Umberto, presidente e direttore di Chirurgia senologia integrata all'IEO.

Senologia e Chirurgia Mammella

Iscriviti al gruppo di Senologia e prevenzione del tumore al seno per essere sempre informato

Senologia e Chirurgia Mammella

Blog e news di Senologia a cura del Prof. Massimo Vergine


contatore visite gratis